fbpx 
DotArt Visit dotART website (italian)
Interviste, News 0

Cucire illusioni ottiche: intervista a Joseph Ford / #URBANinsights

Nuova intervista per la serie #URBANinsights, gli approfondimenti esclusivi dedicati ai vincitori di URBAN Photo Awards. Oggi parliamo con Joseph Ford, Best Author di URBAN 2021. Buona lettura!


Ciao Joseph, grazie per aver trovato del tempo da dedicarci. Come ti presenteresti a chi ancora non ti conosce come fotografo?
Sono un fotografo concettuale. Fotografo principalmente persone e oggetti in scenari un po’ strani, creando spesso una sorta di illusione ottica.

Voglio congratularmi con te per il progetto “Invisible Jumpers” che ti ha fatto guadagnare il titolo di Best Author di URBAN Photo Awards 2021. Ci puoi raccontare il “dietro le quinte” di questo progetto?
Amo le illusioni ottiche. Sono sempre alla ricerca di nuove illusioni e a volte l’ispirazione arriva per caso, vedendo un oggetto e scambiandolo per un altro, e poi escogitando un modo per trasformare il mio errore in un’immagine che ispirerà altre persone. Ho un’amica, Nina Dodd, a cui piace lavorare a maglia, e questo progetto è nato da una collaborazione con lei.
Mi piace esplorare l’idea contraddittoria di utilizzare individui che si fondono con il loro background indossando capi personalizzati e individuali, realizzati lentamente a mano in modo tradizionale. Il lavoro a maglia è il mezzo analogico definitivo, non prodotto in serie, completo di imperfezioni e pieno di dettagli.
In un momento in cui si presume spesso che qualsiasi cosa fuori dall’ordinario in fotografia sia esclusivamente il risultato di Photoshop o CGI, è soddisfacente lavorare con un mezzo volutamente lento e artigianale. I risultati non sono perfetti, ci sono parti che non corrispondono.

Al Trieste Photo Days è stato esposto anche un altro tuo progetto che adoro, “Aerial Fashion”: ti va di raccontarci com’è nato?
Ho avuto la fortuna di trascorrere alcuni giorni in giro per la Sicilia in elicottero, per una campagna pubblicitaria. Mentre non stavamo girando per il progetto, ho scattato quante più foto possibili per me stesso. Sono sempre stato affascinato dal modo in cui appaiono i modelli in natura o l’architettura che ricorda altre trame, altri materiali. Da un elicottero, le auto diventano giocattoli, i muri alti si riducono a linee sul terreno, gli edifici diventano forme geometriche… Quando stavo riordinando le mie fotografie aeree ho passato settimane a trovare modi per combinare aspetti del paesaggio con dettagli di abbigliamento. Un campo attraversato da un binario del treno si abbina alla cerniera di una giacca mimetica, le dune di sabbia in un paesaggio desertico si abbinano alle pieghe di un maglione spiegazzato.
I marchi di moda hanno apprezzato la mia prima serie di immagini e mi hanno commissionato la creazione di altri dittici, che ho realizzato fotografando a Barcellona, Londra e in vari altri luoghi.

Sei un autore molto poliedrico: come descriveresti il tuo stile? Quali fotografi e artisti ti hanno influenzato?
Che fotografi persone, paesaggi o nature morte, ho sempre cercato composizioni grafiche pulite con un numero limitato di colori brillanti. Non avrei iniziato a fotografare senza l’influenza di Bill Brandt. Amo le sue inquadrature grafiche e i forti contrasti, e la natura illusoria dei suoi nudi nei paesaggi. Per i colori, Pedro Almodovar è stato molto influente. Adoro il suo casting, il modo in cui trova attori così sorprendenti. Questo è sicuramente qualcosa che ha alimentato il mio lavoro.

Da quanto tempo fotografi? Come ti sei interessato a questo mestiere?
Da quando ero all’università. Stavo studiando francese e italiano e un amico si è appassionato alla fotografia. Mi sono interessato vedendo cosa stava facendo. Ho trascorso un anno dei miei studi a Parigi, e ho usato la maggior parte del mio tempo per scattare foto e andare alle mostre. Questo mi ha fatto decidere di concentrarmi sulla fotografia per la mia carriera.

Che attrezzatura usi? Dedichi molto tempo all’editing delle tue immagini?
Fino a poco tempo usavo principalmente fotocamere di medio formato Hasselblad e Pentax. Attualmente sto scattando con una Fuji GFX100 e GFX100s. Non sono molto interessato dall’attrezzatura – è solo uno strumento per fare il lavoro – quindi userò la fotocamera migliore per un particolare progetto.
La quantità di editing varia davvero in base a ciò su cui sto lavorando. Preferisco ridurlo al minimo, ma quando preparo le stampe per la mostra passo molto tempo a eseguire test con carte diverse per ottenere il bilanciamento del colore esattamente corretto.

Che consiglio daresti a un aspirante fotografo che vuole approcciarsi alla fotografia in modo professionale?
Nel tuo lavoro personale, concentrati su ciò che ami veramente. Le persone spesso ti commissionano lavori in base al tuo stile personale, quindi è davvero importante mostrare il lavoro a cui tieni: in questo modo, se sei fortunato, verrai pagato per fare il lavoro che ti piace.
Non preoccuparti troppo se senti di non sapere esattamente qual è il tuo stile. Se trascorri abbastanza tempo a scattare foto, si svilupperà naturalmente.
Se sei a corto di idee, prenditi una pausa: la maggior parte delle mie idee le ottengo quando sono fuori a correre in campagna. Mi permette di schiarire la mente, e poi cose nuove mi vengono in mente.
Mostra il tuo lavoro ad altre persone, ma non prestare troppa attenzione ai commenti di una singola persona. È facile essere scoraggiati da un commento negativo, ma la reazione di tutti alla fotografia è in definitiva soggettiva.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro? A cosa stai lavorando ora?
Attualmente sto lavorando a un progetto di collaborazione con altri artisti. Mi sta entusiasmando molto perché è un ottimo modo per testare le idee con altre persone di cui rispetto e ammiro il lavoro. È anche abbastanza impegnativo dal punto di vista tecnico, cosa che trovo sempre stimolante. Amo imparare nuove tecniche.

You Might Also Like

Main Partners

partner tpd partner mp unicusano

Technical Partners

stroppa parners innovafvg

Media Partners

ilfotografo photographers lounge partner lfi Insomnia Photography partner blow partner quo partners silvershotz isp partner prism cuatroscuro partner tpi apf dng image artofphoto fotopolis spm vphotomag student old fotopalyazat fstop doc partner click magazine partner espacio partners photosofia

Venues

partner aeroporto walraum GALERIJA PRINCIPIJ School of Creative Photography partners OBOK partner alchemia partner betel partner konfederacka partner pierwszy partner pracownia partner szomszed partner partner castro partners bal partner relax partner cameral partner cps partners wavelove partner domliteratury partners wbb partners yaam partners lastriko partners carrots partners restauranpolet partners meduza partners polet partners superiore partners kisuzem partners leniviec