fbpx 
DotArt Visit dotART website (italian)
Interviste, News 0

Qualcosa che non appartiene alla scena: intervista a Nicolas St-Pierre / #URBANinsights

Cominciamo il 2022 con una nuova puntata di #URBANinsights, gli approfondimenti esclusivi dedicati ai vincitori di URBAN Photo Awards. Oggi parliamo con Nicolas St-Pierre, vincitore dell’URBAN Book Award 2021 con il progetto Where Have The Birds Gone?. Buona lettura!


Ciao Nicolas, grazie per aver trovato del tempo da dedicarci. Come ti presenteresti a chi ancora non ti conosce come fotografo?
Grazie a voi per l’opportunità di presentarmi ai vostri lettori! Sono nato nel 1974 in una piccola città a circa 60 km da Montréal (Canada), ma ho trascorso gran parte della mia vita adulta all’estero, prima come studente, poi come diplomatico inviato in Cina e Giappone. La curiosità per il mondo fa parte della mia identità, sia come individuo che come fotografo. Non sarete quindi sorpresi di sapere che dedico la maggior parte del mio tempo libero a fotografare i luoghi e le persone che incontro attraverso i miei viaggi professionali e personali.
Per me, la fotocamera è uno strumento straordinario che mi aiuta a uscire dalla mia zona di comfort. È un invito a esplorare e un mezzo per costruire ponti tra me e l’altro. La macchina fotografica mi fornisce sia una scusa che un incentivo per avvicinarmi, per connettermi emotivamente e fisicamente al mondo esterno. È diventata anche un mezzo per immergermi in profondità ed esprimere i miei sentimenti e il mio stato d’animo.
Quando guardo indietro agli ultimi tre decenni, non posso fare a meno di riconoscere che la mia pratica fotografica si è notevolmente evoluta nel tempo. Di tutti i generi fotografici, il documentario e la street photography sono attualmente quelli che mi attraggono di più.

Voglio congratularmi con te per Where Have The Birds Gone?, il progetto vincitore di URBAN Book Award 2021, selezionato da Francesco Cito. Ci puoi raccontare il “dietro le quinte” di questo progetto?
Grazie mille! Nell’estate del 2015 mi sono trasferito a Tokyo per un incarico presso l’Ambasciata del Canada. Qualche mese dopo, ho avuto l’opportunità di partecipare a un seminario di una settimana tenuto dall’allora fotografo Magnum David Alan Harvey. Questo workshop mi ha spinto al limite e ha acceso in me una profonda riflessione sulla mia fotografia. In particolare, mi ha spinto a esplorare, a chiedermi come potrei usare la fotografia per esprimere le mie emozioni. Il corpo del lavoro presentato in Where Have the Birds Gone? ha cominciato a prendere forma sulla scia di quel laboratorio.
Durante i quattro anni in cui ho vissuto in Giappone, ho trascorso innumerevoli ore esplorando a piedi le strade e i vicoli di Tokyo. Quasi ogni giorno, mi colpiva la visione inaspettata di qualcosa che non apparteneva alla scena, o il silenzio assordante di qualcosa che gridava di essere lì. Nonostante tutto il tempo e gli sforzi per imparare il giapponese e familiarizzare con la cultura locale, non sono mai stato in grado di scrollarmi di dosso l’impressione di aver messo piede in una terra straniera.
Where Have the Birds Gone? costituisce il mio tentativo di rendere il senso di alienazione e disagio che ho provato vivendo in Giappone e che sarà così familiare a coloro che hanno visitato il paese.

Come descriveresti il tuo stile? Quali fotografi ti hanno influenzato?
Mi è difficile descrivere il mio stile fotografico poiché varia da un progetto all’altro. Credo infatti che lo stile debba essere al servizio della propria visione e del proprio messaggio, non viceversa. Se c’è una costante, tuttavia, direi che mi sforzo continuamente di catturare momenti fugaci, scoprire lo straordinario nella vita di tutti i giorni e portare lo spettatore a guardare il mondo con occhi nuovi.
Negli ultimi dieci anni ho trascorso molto tempo in compagnia di grandi fotografi, collezionando e studiando libri fotografici. Moriyama Daido e gli altri fotografi di Provoke, con le loro immagini in bianco e nero contrastate, sgranate e sfocate, hanno senza dubbio influenzato il modo in cui mi sono avvicinato al Giappone. Quando si tratta di street photography, mi ritrovo costantemente attratto dal lavoro di Alex Webb e Harry Gruyaert. Di recente, la poesia visiva di Alec Soth e Alessandra Sanguinetti e l’approccio creativo di Bieke Depoorter mi hanno lasciato un’impressione duratura.

Da quanto tempo fotografi? Come ti sei interessato a questo mestiere?
Il mio interesse per la fotografia risale a circa 30 anni fa ed è strettamente legato alla mia passione per i viaggi.
Quando avevo 17 anni, ho avuto la possibilità di trascorrere un anno come studente di scambio a Napoli, in Italia. Dopo pochi mesi, la fotocamera compatta che avevo portato con me mi ha deluso. Per Natale, la mia famiglia ospitante mi ha quindi regalato una robusta fotocamera reflex Zenit e alcuni obiettivi realizzati in URSS. Questa fotocamera, che nella mia mano sembrava un carro armato, è stato il mio primo vero contatto con la fotografia analogica.
Al mio ritorno in Canada, mi sono comprato una fotocamera SLR più avanzata che successivamente ho portato in tutti i miei viaggi in giro per il mondo. Ma la vera svolta è stata l’acquisto della mia prima fotocamera digitale prima della nascita di mia figlia maggiore nel 2003. Da quel momento in poi, ho portato la mia fotocamera con me praticamente ovunque andassi e il mio interesse per la fotografia non ha mai smesso di crescere.

Che attrezzatura usi? Dedichi molto tempo all’editing delle tue immagini?
Negli ultimi otto anni circa, ho scattato esclusivamente con fotocamere Fujifilm poiché apprezzo davvero la loro portabilità e reattività. Attualmente ne possiedo tre: l’X100v, l’X-T3 e il GFX 100s. Anche se queste specifiche fotocamere mi hanno servito bene, rimango convinto che, in definitiva, la fotocamera migliore rimane quella che hai sempre con te poiché non sai mai quando un momento magico accadrà davanti ai tuoi occhi.
Per quanto riguarda l’editing, mi diverto a far scorrere le immagini che scatto, selezionando le migliori e mettendole in sequenza per raccontare storie. Tuttavia, dedico pochissimo tempo alla post-produzione in quanto non ho pazienza e, a dire il vero, non ho nemmeno talento nell’uso di Photoshop.

Che consiglio daresti a un aspirante fotografo che vuole approcciarsi alla fotografia in modo professionale?
Vorrei essere in grado di offrire consigli al riguardo, ma a quanto pare, la fotografia non è la mia professione. Questo non vuol dire che non pratichi la fotografia con la massima serietà e impegno, ma solo che non ci guadagno da vivere.
Per me la passione – e la dedizione che ne deriva – è probabilmente la cosa più importante per farsi notare come fotografo. So che questo suonerà come un auto-aiuto motivazionale, ma se insegui incessantemente i tuoi sogni e non smetti mai di cercare opportunità per affinare le tue abilità e diventare più alfabetizzato come fotografo, qualcosa che puoi fare frequentando workshop, visitando mostre, sfogliando libri fotografici, ecc. – sei destinato a diventare un fotografo migliore.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro? A cosa stai lavorando ora?
Quando sono tornato in Canada dal Giappone nel 2019, ho deciso deliberatamente di rivolgere la macchina fotografica verso il mio “cortile” e cercare storie locali che valesse la pena raccontare. Fin dall’inizio, sapevo che un’impresa del genere si sarebbe rivelata difficile poiché, da quando ho memoria, sono rimasto affascinato dall’eccitazione e dalla novità che il viaggio offre. Infatti, se non fosse stato per la pandemia di COVID-19 che mi ha costretto a stare a casa, forse non sarei riuscito a fare quel cambiamento mentale. Oggi, probabilmente ho più idee di quante ne potrei realizzare nel prossimo futuro!
Tra gli altri progetti, ho recentemente iniziato a uscire con la mia macchina fotografica in una vecchia osteria vicino a dove vivo, con l’obiettivo di immergermi nella sua storia, incontrare i suoi clienti e cercare di capire cosa li porta lì. Con i loro tavoli da biliardo logori, i loro orologi Molson fluorescenti, le loro birre a temperatura ambiente e i loro menu base che offrono fagioli al forno e uova sott’aceto, le taverne sono state a lungo parte integrante del paesaggio delle città della provincia del Quebec (Canada). Dal momento che solo poche sono sopravvissute fino ad oggi, trovo ancora più importante documentare la sottocultura in rapida scomparsa che incarnano.
Oltre a questo, sto anche portando avanti un progetto sui ristoranti cinesi nella piccola città del Canada.

You Might Also Like

Main Partners

partner tpd partner mp unicusano

Technical Partners

stroppa parners innovafvg

Media Partners

ilfotografo photographers lounge partner lfi Insomnia Photography partner blow partner quo partners silvershotz isp partner prism cuatroscuro partner tpi apf dng image artofphoto fotopolis spm vphotomag student old fotopalyazat fstop doc partner click magazine partner espacio partners photosofia

Venues

partner aeroporto walraum GALERIJA PRINCIPIJ School of Creative Photography partners OBOK partner alchemia partner betel partner konfederacka partner pierwszy partner pracownia partner szomszed partner partner castro partners bal partner relax partner cameral partner cps partners wavelove partner domliteratury partners wbb partners yaam partners lastriko partners carrots partners restauranpolet partners meduza partners polet partners superiore partners kisuzem partners leniviec